Copy

Spesso abbiamo affrontato il curioso degenero del "avere opinioni oggi"  come ausiliare d'argomento, sottolineando l'approccio alla notizia più che il merito della notizia in sé. 
➔ È questo, di nuovo, il caso di parlarne, ancor piu nel momento in cui abbiamo a che fare con un topic così complesso che puoi fare la gincana tra i suoi layer. Il futuro dell'alimentazione significa salute, etica, politica, storie e identità e tanto tanto altro.

❱❱ Al netto della notizia che trovate fresca di spaccio qua sotto,  il nostro invito alla lettura suona sempre più o meno così: siate ponderati, rilassati, disponibili all'ascolto, concedetevi di cambiare oponione e piazzate un focus sull'origine e l'autenticità delle cose, fate tesoro delle vostre belle skills progettuali composte dal magico balance metodo+pancia.

Ora fate control C control V oppure mela C mela V per il resto, che ce n'è bisogno: privacy
; colonialismo progettuale ; poi un po' di relax con stampa 3D, not only Gormiti ; LEGO. 
 

● ○ ○ ○ ○ 
Domande impellenti che meritano una risposta (ARTICOLO - ENG) 
Che faccia avranno tra vent’anni le fattorie e più in generale come cambierà l’industria alimentare? Nel 2040 dimentichiamo i trattori rumorosi, i contadini con la schiena piegata e le mani callose e infine, con grande dispiacere di alcuni, la carne e gli allevamenti intensivi. Niente da temere, promettono validi sostituti e rimarrà anche qualche strascico dello stato attuale.


  ➭ Automat  


○ ● ○ ○ ○ 
I confini della privacy sono in conflitto (PROGETTO - ENG) 
Il New York Times ha lanciato "The Privacy Project", una pagina web interattiva dedicata ai problemi che hanno a che fare con la privacy. Per aiutare a esplorarli, il Times ha intrapreso un progetto lungo mesi per studiare la tecnologia e dove ci sta portando. La domanda sorge spontanea: qual è il ruolo del designer in tutto ciò?


  ➭  Occhi aperti  


○ ○ ● ○ ○
Maggiore diversity non è sufficiente (ARTICOLO - ENG)
Il design appartiene agli anglo-europei. Una ristrettezza di orizzonti che si riflette nei limiti delle istituzioni in cui il design è studiato e praticato, così come in ampi sistemi socio-politici dove è integrato istituzionalmente. Decolonising Design crede che sia necessario capire e risolvere le problematiche derivate da questo colonialismo attraverso la rivisitazione di pratiche e atti del design. Uno statement editoriale.


  ➭  Cambiamenti radicali  


○ ○ ○ ● ○ 
Non tazzine, non portachiavi personalizzati ma veri e propri cuori (ARTICOLO - ENG) 
I ricercatori della Tel Aviv University hanno stampato in 3D il primo cuore vascolarizzato della storia. L’inchiostro? Cellule umane e specifici materiali biologici prelevati dai pazienti, una sorta di bio-inchiostro. Forse in qualche anno potremo stamparci tutti i pezzi di ricambio che ci servono per vivere al meglio.


  ➭  Battiti DIY  


○ ○ ○ ○ ● 
Unità dell’altro tipo (PROGETTO - ENG)
Per imparare a contare, i marmocchi delle prime elementari giocano con piccoli parallelepipedi colorati di diverse dimensioni, i regoli. Un approccio simile, a quanto pare più divertente, viene impiegato nel nuovissimo progetto di LEGO in collaborazione con diverse associazioni a sostegno dei ciechi da tutto il mondo. I bambini non vedenti potranno imparare il Braille -e non solo- proprio attraverso i celeberrimi mattoncini.


  ➭  Smanettoni  


Designer of what esplora e analizza i ruoli del designer 
oggi protagonista di un contesto in trasformazione.


Ogni venerdì sulla tua mail racconta l’impatto che il progettista ha sul mondo attraverso cinque contenuti selezionati con cura e criterio.

  ➭ Consiglia Designer of what  
 ↘  TWITTER    ↘ CONTATTACI     ISCRIVITI 

A venerdì prossimo,
la squad di Designer of what
 
Clicca qui per non ricevere più la newsletter. 




 Email Marketing Powered by Mailchimp